Comune di Negrar di Valpolicella

Scarico le acque piovane

29/04/2015

D: A seguito di riunione condominiale l'assemblea ha deciso di scaricare le acque piovane al piede del fabbricato tramite un tubo pluviale orizzontale appoggiato sul marciapiede in senso trasversale per tutta la sua larghezza e avente un diametro di circa 12- i5 cm. Ritengo che tale situazione sia oltremodo pericolosa per il transito delle persone a piedi soprattutto se trattasi di anziani o disabili. Sapete dirmi a chi mi posso rivolgere per fermare tale procedimento? L'amministratore avvalla la decisione dell'assemblea.

R: L’art. 68/bis del Regolamento Edilizio Comunale disciplina il recupero delle acque piovane e delle acque grigie.
Tale obbligo è però relativo alle nuove costruzioni o agli interventi di ristrutturazione di edifici esistenti.
In merito ai percorsi per disabili si fa riferimento alla L 13/89 e alla DGRV 1428/11 che stabiliscono le caratteristiche dei percorsi per l’abbattimento delle barriere architettoniche.
Riguardo la gestione dei rapporti all’interno del condominio si rimanda a quanto stabilito dal Codice Civile trattandosi di rapporti tra privati.